Festa patronale e sagra di San Luigi 2018

  

Carissimi,
per il parroco, la sagra di San Luigi, richiama prima di tutto le celebrazioni che vivremo nella Messa per i volontari il 1 agosto, il pellegrinaggio alla Madonna della Corona e e poi la solennità di domenica 5 agosto dove con l'Eucaristia e la processione al parco onoreremo il nostro Santo Patrono, affidandogli la nostra comunità, le famiglie e soprattutto i giovani. Mi sembra importante ridare sempre più valore al motivo per cui sono nate le sagre patronali e il fatto di celebrare la Messa all'aperto, proprio nel luogo della festa, è per evidenziare proprio questo desiderio.                Il comitato sagra e tutti i volontari, già da tempo si sono attivati per la “Sagra di S. Luigi”, in modo che la festa possa dilatarsi e prolungarsi nelle varie direzioni e dimensioni della vita. La vita ha bisogno della festa, come ha bisogno del pane quotidiano ed è importante che vi siano persone che anche oggi si dedicano a mantenere viva questa dimensione. Rimango ammirato come ancora oggi ci siano persone che si dedicano con un senso di generosità e di gratuità a tener viva nel nostro paese questa bella e importante tradizione. Questi giorni di festa possono ancora una volta diventare l'occasione per rimanere legati ad un territorio e ad una storia, sempre più consapevoli che questo radicamento ci permette di vivere relazioni più belle e più profonde.
Ho letto di una persona che tempo fa, mentre camminava su un sentiero di montagna, è scivolato ed è caduto all’indietro battendo la testa. Non ha riportato gravi ferite, ma per qualche giorno è rimasto privo di memoria.
Per lui è stata un’esperienza terribile: non sapeva chi era e non riconosceva né famigliari né amici.
Anche noi, se perdiamo la memoria e il legame con il nostro territorio, rischiamo di perdere la nostra identità e i riferimenti importanti della vita. Anche le occasioni come la sagra di S. Luigi, se vissute con uno sguardo non superficiale, possono aiutarci ad approfondire e rafforzare questi legami. Ecco perchè mi auguro che la sagra sia vissuta nella serenità, nella gioia di stare insieme, nella gratuità del volontariato, nel coinvolgimento dei più giovani per far scoprire che è importante donare un po di se stessi agli altri, nella collaborazione sincera tra le varie realtà e associazioni del paese. Grazie di cuore a chi contribuirà perchè questo desiderio possa anche quest'anno prendere vita. So che la preparazione della sagra comporta anche tante fatiche, tanto tempo speso, tante difficoltà burocratiche....Sono convinto che per dei grandi valori, ne sarà valsa la pena. Per questo ringrazio tutti e prego per voi. Buona sagra!

Il parroco don Roberto

Questo sito utilizza i cookie per consentirti la migliore navigazione. Il sito é impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie. Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookie.